© Associazione Cura e Cultura
Associazione Cura e Cultura

Benvenuto

Appuntamenti settimanali

GRUPPO VOCE

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 18-20 Nel   settembre   2006   CURA   E   CULTURA   dà   vita   al Gruppo   Voce,   tuttora   attivo.   Sia   Il   Ponte   e   la   Ferita sia   il   Gruppo   Voce   si   rivolgono   (soprattutto   ma   non soltanto)    a    chi    non    sa    vivere    e    quindi    più    ha bisogno    di    bellezza,    amore    e    verità.    Il    primo    gli apre   le   porte   della   grande   arte,   il   secondo   quelle della   piccola   arte.   La   piccola   arte   è   quella   di   chi, accompagnato     dai     membri     del     Gruppo     Voce, esplora    e    scopre    nell’attenzione    alla    carne    e    al respiro   la   propria   vocalità,   è   quella   di   chi   cerca   di liberare    la    propria    voce    vera.    Si    assume    che    la scoperta     della     voce     vera,     la     voce     propria     e autentica,    sia    scoperta    e    affermazione    gioiosa della   presenza   della   Persona   e   che   solo   la   voce vera   del   cantore,   sempre   bella   perché   vera,   possa e   debba   cantare   la   bellezza   dell'esserci.   La   piccola arte    è    quella    di    chi    con    costanza    e    umiltà,    nei propri     tempi     e     con     i     propri     mezzi,     prende confidenza   poco   alla   volta   con   la   tecnica   vocale, con   il   linguaggio   musicale,   con   la   notazione,   con   il solfeggio.   La   piccola   arte   è   quella   di   chi   avendo appreso     qualche     abilità     o     sviluppato     qualche capacità,          la          consolida          immediatamente trasmettendola   a   chi   ha   più   difficoltà.   Il   Gruppo Voce   opera   perché   la   bellezza   della   grande   arte illumini   e   orienti   chi   percorre   i   sentieri   della   piccola arte.      ll   Gruppo   Voce,   aperto   a   qualsiasi   socio   di CURA    E    CULTURA    voglia    parteciparvi,    persegue questi    obiettivi    nella    sua    attività    settimanale    di studio.     Ha     collaborato     con     il     Coro     Polifonico Allegra-Mente   di   Donnas,   con   il   Coro   Polifonico   del Bandolo   di   Torino,   con   il   Coro   Polifonico   Intelletto d’Amore   di   Bergamo.   Attualmente   collabora   con   il Coro    Polifonico    Voce    e    Persona    di    Bergamo    e, insieme    a    un    gruppo    di    persone    in    sofferenza provenienti   da   Torino,   da   Ivrea   e   dalla   Val   d’Aosta, dà    vita    al    Gruppo    Polifonico    Dolce    Mente    di Loranzè.

GRUPPO OPERATIVO

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 21-23 PROGETTO IL PONTE E LA FERITA Da   molto   tempo   custodisco   un’immagine   nel   cuore: un    ponte    unisce    due    rive    separate    da    un    abisso. Come    nel    sogno,    è    l’immagine    di    un    ponte    ma insieme    anche    altro,    è    questo    e    quello,    sfugge    al principio   di   identità.   Perché   le   rive   separate   da   un abisso   sono   al   tempo   stesso   i   lembi   di   una   profonda ferita   che   il   ponte   sana   avvicinandoli.   Ma   il   ponte sono   io,   le   mie   braccia   stese   formano   appunto   un ponte,       con       una       mano       accarezzo       chi       più intensamente    soffre    il    mal    di    vivere    mentre    l’altra sfiora    quanto    di    più    bello    ha    saputo    pensare    e realizzare   l’essere   umano.   E   allora   il   pan   degli   angeli, la   bellezza   insieme   a   suo   fratello   amore,   fluiscono attraverso   di   me   che   sono   ponte   e   vanno   a   sanare   la ferita   di   chi   ne   ha   disperato   bisogno   perché   non   sa vivere. Questa     immagine,     questo     sogno     se     preferite, alimenta   il   mio   fare   fin   dall’adolescenza,   quando   una sera   di   tanti   anni   fa   Leonora   III,   forse   il   più   potente inno   alla   vita   che   mi   abbia   mai   risvegliato,   mi   toccò   e mi disse chi sarei stato. Questa     immagine     ha     generato     Cura     e     Cultura, questa   immagine   ha   generato   il   progetto   IL   PONTE   E LA   FERITA   –   Lotta   fra   amore   e   potere   ne   L’anello   del Nibelungo.   Cura   e   Cultura   opera   perché   la   grande arte   non   sia   relegata   nel   lusso   ma   ne   sia   distolta   per assolvere    appieno    la    sua    funzione    di    redenzione dalla    sofferenza.    Opera    perché    la    grande    arte    sia sfondo   e   specchio   necessari   a   ogni   essere   umano per    manifestare    lo    splendore    della    sua    presenza. Opera    perché    la    grande    arte    sempre    risvegli    in ciascuno   la   propria   nascosta   bellezza   e   lo   spinga   a vivere con pienezza.    Chi   non   sa   vivere   e   conosce   la   grande   sofferenza mentale    sa    che    potenti    farmaci    siano    amore    e bellezza.   Ma   anche   tutti   noi   che   sappiamo   vivere,   o pretendiamo    di    saperlo    fare,    abbiamo    avuto    la nostra    parte    di    sofferenza    e    siamo    bisognosi    del lieve tocco della bellezza. È    infine    una    meravigliosa    coincidenza    –    ma    nulla accade   per   caso   –   che   il   cammino   di   Cura   e   Cultura possa   incrociarsi   per   un   istante   con   quello   di   Daniel Barenboim,    che    ha    dato    vita,    memore    di    Johann Wolfgang   Goethe,   all’Orchestra   Divano   Occidentale- Orientale,    ponte    che    osa    sanare    con    la    bellezza l’atroce   ferita   d’odio   che   da   decenni   dilania   israeliani e palestinesi.
“Da qualche parte sappiamo che il Bello salva. Salva o rinnova una parte di noi o della nostra vita [..] solo  che  per  accorgersi  di  questo  potere  di  salvezza, bisogna aver sofferto.” Roberta De Monticelli
E poi che la sua mano a la mia puose,  con lieto volto, ond’io mi confortai,  mi mise dentro a le segrete cose.
Associazione  Cura e Cultura

Benvenuto

Appuntamenti settimanali

GRUPPO VOCE

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 18-20 Nel       settembre       2006       CURA       E CULTURA    dà    vita    al    Gruppo    Voce, tuttora   attivo.   Sia   Il   Ponte   e   la   Ferita sia     il     Gruppo     Voce     si     rivolgono (soprattutto   ma   non   soltanto)   a   chi non     sa     vivere     e     quindi     più     ha bisogno   di   bellezza,   amore   e   verità.   Il primo   gli   apre   le   porte   della   grande arte,   il   secondo   quelle   della   piccola arte.   La   piccola   arte   è   quella   di   chi, accompagnato      dai      membri      del Gruppo     Voce,     esplora     e     scopre nell’attenzione   alla   carne   e   al   respiro la    propria    vocalità,    è    quella    di    chi cerca   di   liberare   la   propria   voce   vera. Si   assume   che   la   scoperta   della   voce vera,   la   voce   propria   e   autentica,   sia scoperta     e     affermazione     gioiosa della   presenza   della   Persona   e   che solo     la     voce     vera     del     cantore, sempre    bella    perché    vera,    possa    e debba         cantare         la         bellezza dell'esserci.   La   piccola   arte   è   quella di    chi    con    costanza    e    umiltà,    nei propri    tempi    e    con    i    propri    mezzi, prende    confidenza    poco    alla    volta con      la      tecnica      vocale,      con      il linguaggio         musicale,         con         la notazione,   con   il   solfeggio.   La   piccola arte   è   quella   di   chi   avendo   appreso qualche   abilità   o   sviluppato   qualche capacità,                 la                 consolida immediatamente    trasmettendola    a chi   ha   più   difficoltà.   Il   Gruppo   Voce opera      perché      la      bellezza      della grande    arte    illumini    e    orienti    chi percorre   i   sentieri   della   piccola   arte.     ll    Gruppo    Voce,    aperto    a    qualsiasi socio    di    CURA    E    CULTURA    voglia parteciparvi,          persegue          questi obiettivi          nella          sua          attività settimanale   di   studio.   Ha   collaborato con   il   Coro   Polifonico   Allegra-Mente di   Donnas,   con   il   Coro   Polifonico   del Bandolo     di     Torino,     con     il     Coro Polifonico      Intelletto      d’Amore      di Bergamo.   Attualmente   collabora   con il   Coro   Polifonico   Voce   e   Persona   di Bergamo   e,   insieme   a   un   gruppo   di persone   in   sofferenza   provenienti   da Torino,   da   Ivrea   e   dalla   Val   d’Aosta, dà    vita    al    Gruppo    Polifonico    Dolce Mente di Loranzè.

GRUPPO OPERATIVO

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 21-23 PROGETTO IL PONTE E LA FERITA Da          molto          tempo          custodisco un’immagine     nel     cuore:     un     ponte unisce   due   rive   separate   da   un   abisso. Come    nel    sogno,    è    l’immagine    di    un ponte     ma     insieme     anche     altro,     è questo   e   quello,   sfugge   al   principio   di identità.   Perché   le   rive   separate   da   un abisso   sono   al   tempo   stesso   i   lembi   di una   profonda   ferita   che   il   ponte   sana avvicinandoli.    Ma    il    ponte    sono    io,    le mie   braccia   stese   formano   appunto   un ponte,   con   una   mano   accarezzo   chi   più intensamente    soffre    il    mal    di    vivere mentre   l’altra   sfiora   quanto   di   più   bello ha   saputo   pensare   e   realizzare   l’essere umano.   E   allora   il   pan   degli   angeli,   la bellezza   insieme   a   suo   fratello   amore, fluiscono    attraverso    di    me    che    sono ponte   e   vanno   a   sanare   la   ferita   di   chi ne   ha   disperato   bisogno   perché   non   sa vivere. Questa    immagine,    questo    sogno    se preferite,     alimenta     il     mio     fare     fin dall’adolescenza,    quando    una    sera    di tanti    anni    fa    Leonora    III,    forse    il    più potente   inno   alla   vita   che   mi   abbia   mai risvegliato,   mi   toccò   e   mi   disse   chi   sarei stato. Questa   immagine   ha   generato   Cura   e Cultura,   questa   immagine   ha   generato il   progetto   IL   PONTE   E   LA   FERITA   –   Lotta fra    amore    e    potere    ne    L’anello    del Nibelungo.      Cura      e      Cultura      opera perché   la   grande   arte   non   sia   relegata nel     lusso     ma     ne     sia     distolta     per assolvere    appieno    la    sua    funzione    di redenzione     dalla     sofferenza.     Opera perché    la    grande    arte    sia    sfondo    e specchio      necessari      a      ogni      essere umano    per    manifestare    lo    splendore della    sua    presenza.    Opera    perché    la grande   arte   sempre   risvegli   in   ciascuno la   propria   nascosta   bellezza   e   lo   spinga a vivere con pienezza.    Chi   non   sa   vivere   e   conosce   la   grande sofferenza     mentale     sa     che     potenti farmaci    siano    amore    e    bellezza.    Ma anche   tutti   noi   che   sappiamo   vivere,   o pretendiamo   di   saperlo   fare,   abbiamo avuto    la    nostra    parte    di    sofferenza    e siamo    bisognosi    del    lieve    tocco    della bellezza. È   infine   una   meravigliosa   coincidenza   ma    nulla    accade    per    caso    –    che    il cammino     di     Cura     e     Cultura     possa incrociarsi   per   un   istante   con   quello   di Daniel    Barenboim,    che    ha    dato    vita, memore    di    Johann    Wolfgang    Goethe, all’Orchestra        Divano        Occidentale- Orientale,   ponte   che   osa   sanare   con   la bellezza    l’atroce    ferita    d’odio    che    da decenni dilania israeliani e palestinesi.
“Da qualche parte sappiamo che il Bello salva. Salva o rinnova una parte di noi o della nostra vita [..] solo  che  per  accorgersi  di  questo  potere  di  salvezza, bisogna aver sofferto.” Roberta De Monticelli
E poi che la sua mano a la mia puose,  con lieto volto, ond’io mi confortai,  mi mise dentro a le segrete cose.
© Associazione Cura e Cultura
Associazione  Cura e Cultura

Benvenuto

Appuntamenti settimanali

GRUPPO VOCE

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 18-20 Nel   settembre   2006   CURA   E   CULTURA   dà   vita   al   Gruppo Voce,   tuttora   attivo.   Sia   Il   Ponte   e   la   Ferita   sia   il   Gruppo Voce   si   rivolgono   (soprattutto   ma   non   soltanto)   a   chi   non sa    vivere    e    quindi    più    ha    bisogno    di    bellezza,    amore    e verità.    Il    primo    gli    apre    le    porte    della    grande    arte,    il secondo   quelle   della   piccola   arte.   La   piccola   arte   è   quella di   chi,   accompagnato   dai   membri   del   Gruppo   Voce,   esplora e   scopre   nell’attenzione   alla   carne   e   al   respiro   la   propria vocalità,   è   quella   di   chi   cerca   di   liberare   la   propria   voce vera.   Si   assume   che   la   scoperta   della   voce   vera,   la   voce propria   e   autentica,   sia   scoperta   e   affermazione   gioiosa della   presenza   della   Persona   e   che   solo   la   voce   vera   del cantore,   sempre   bella   perché   vera,   possa   e   debba   cantare la   bellezza   dell'esserci.   La   piccola   arte   è   quella   di   chi   con costanza   e   umiltà,   nei   propri   tempi   e   con   i   propri   mezzi, prende   confidenza   poco   alla   volta   con   la   tecnica   vocale, con     il     linguaggio     musicale,     con     la     notazione,     con     il solfeggio.   La   piccola   arte   è   quella   di   chi   avendo   appreso qualche   abilità   o   sviluppato   qualche   capacità,   la   consolida immediatamente   trasmettendola   a   chi   ha   più   difficoltà.   Il Gruppo   Voce   opera   perché   la   bellezza   della   grande   arte illumini   e   orienti   chi   percorre   i   sentieri   della   piccola   arte.      ll Gruppo   Voce,   aperto   a   qualsiasi   socio   di   CURA   E   CULTURA voglia    parteciparvi,    persegue    questi    obiettivi    nella    sua attività   settimanale   di   studio.   Ha   collaborato   con   il   Coro Polifonico   Allegra-Mente   di   Donnas,   con   il   Coro   Polifonico del    Bandolo    di    Torino,    con    il    Coro    Polifonico    Intelletto d’Amore    di    Bergamo.    Attualmente    collabora    con    il    Coro Polifonico    Voce    e    Persona    di    Bergamo    e,    insieme    a    un gruppo   di   persone   in   sofferenza   provenienti   da   Torino,   da Ivrea   e   dalla   Val   d’Aosta,   dà   vita   al   Gruppo   Polifonico   Dolce Mente di Loranzè.

GRUPPO OPERATIVO

TUTTI I MERCOLEDI’ ORE 21-23 PROGETTO IL PONTE E LA FERITA Da    molto    tempo    custodisco    un’immagine    nel    cuore:    un ponte   unisce   due   rive   separate   da   un   abisso.   Come   nel sogno,   è   l’immagine   di   un   ponte   ma   insieme   anche   altro,   è questo   e   quello,   sfugge   al   principio   di   identità.   Perché   le rive   separate   da   un   abisso   sono   al   tempo   stesso   i   lembi   di una   profonda   ferita   che   il   ponte   sana   avvicinandoli.   Ma   il ponte   sono   io,   le   mie   braccia   stese   formano   appunto   un ponte,    con    una    mano    accarezzo    chi    più    intensamente soffre   il   mal   di   vivere   mentre   l’altra   sfiora   quanto   di   più bello    ha    saputo    pensare    e    realizzare    l’essere    umano.    E allora   il   pan   degli   angeli,   la   bellezza   insieme   a   suo   fratello amore,   fluiscono   attraverso   di   me   che   sono   ponte   e   vanno a   sanare   la   ferita   di   chi   ne   ha   disperato   bisogno   perché non sa vivere. Questa   immagine,   questo   sogno   se   preferite,   alimenta   il mio   fare   fin   dall’adolescenza,   quando   una   sera   di   tanti   anni fa   Leonora   III,   forse   il   più   potente   inno   alla   vita   che   mi abbia mai risvegliato, mi toccò e mi disse chi sarei stato. Questa    immagine    ha    generato    Cura    e    Cultura,    questa immagine   ha   generato   il   progetto   IL   PONTE   E   LA   FERITA   Lotta   fra   amore   e   potere   ne   L’anello   del   Nibelungo.   Cura   e Cultura   opera   perché   la   grande   arte   non   sia   relegata   nel lusso    ma    ne    sia    distolta    per    assolvere    appieno    la    sua funzione   di   redenzione   dalla   sofferenza.   Opera   perché   la grande   arte   sia   sfondo   e   specchio   necessari   a   ogni   essere umano   per   manifestare   lo   splendore   della   sua   presenza. Opera   perché   la   grande   arte   sempre   risvegli   in   ciascuno   la propria nascosta bellezza e lo spinga a vivere con pienezza.    Chi   non   sa   vivere   e   conosce   la   grande   sofferenza   mentale sa   che   potenti   farmaci   siano   amore   e   bellezza.   Ma   anche tutti   noi   che   sappiamo   vivere,   o   pretendiamo   di   saperlo fare,   abbiamo   avuto   la   nostra   parte   di   sofferenza   e   siamo bisognosi del lieve tocco della bellezza. È   infine   una   meravigliosa   coincidenza   –   ma   nulla   accade per    caso    –    che    il    cammino    di    Cura    e    Cultura    possa incrociarsi   per   un   istante   con   quello   di   Daniel   Barenboim, che    ha    dato    vita,    memore    di    Johann    Wolfgang    Goethe, all’Orchestra   Divano   Occidentale-Orientale,   ponte   che   osa sanare   con   la   bellezza   l’atroce   ferita   d’odio   che   da   decenni dilania israeliani e palestinesi.
“Da qualche parte sappiamo che il Bello salva. Salva o rinnova una parte di noi o della nostra vita [..] solo  che  per  accorgersi  di  questo  potere  di  salvezza, bisogna aver sofferto.” Roberta De Monticelli
E poi che la sua mano a la mia puose,  con lieto volto, ond’io mi confortai,  mi mise dentro a le segrete cose.